Valdifiori

Verso Empoli-Vicenza: Valdifiori ricorda la finale playout

Articolo pubblicato: 12 Dicembre 2012 – 17:05 nella cateogoria parola al tifoso. Puoi rimanere aggiornato tramite il feed RSS 2.0.
Questo post è stato scritto da Redazione

In tre minuti il pareggio firmato Mchelidze-Tavano, il rigore sbagliato da Paolucci e il colpo di grazia inflitto da Maccarone. Empoli salvo, Vicenza in Lega Pro. Valdifiori, sulle pagine del portale Pianetaempoli.it, ricorda quei momenti: “œQuelle sono partite calde in tutti i sensi, si decide tutto in 180’. In quella partita avevamo avuto occasioni per segnare, come anche nella gara di andata e non l’avevamo fatto, in quei momenti pensi solo a correre e cercare di segnare. Le conseguenze le avresti sentite nei giorni successivi, quella è stata una gara ricca di emozioni, la nostra rimonta, il rigore parato”. Dopo il suicidio, il Vicenza è stato €œrianimato dai guai giudiziari del Lecce ed è stato riammesso in B. Ed ecco che le squadre sabato si ritroveranno al Castellani, sei mesi dopo. Con due condottieri diversi in panchina: Roberto Breda a Vicenza, Maurizio Sarri a Empoli. Se i biancorossi galleggiano poco al di sopra della zona playout, i toscani, dopo un avvio stentato, sono volati a ridosso della zona playoff. Non perdono da quattro gare, periodo nel quale hanno centrato un pareggio e tre vittorie, l”€™ultima in casa del Cesena. “Nel momento di maggiore difficoltà è uscito fuori il gruppo, anche se devo dire che i risultati erano anche frutto di episodi sfortunati -spiega Valdifiori – siamo stati bravi a continuare a lavorare, e a farlo tutti insieme anche quando la posizione dello stesso mister sembrava in bilico”€. Il centrocampista, nonostante l’€™ottima classifica, vola basso: €œ”L’€™obiettivo è sicuramente la salvezza, dobbiamo raggiungere i 52 punti quanto prima, per avere la certezza del mantenimento della categoria. Successivamente guarderemo quante giornate mancano alla fine del campionato e cercheremo di toglierci delle soddisfazioni”.€ Stesso pensiero del presidente Fabrizio Corsi: “€œSo che non è facile, ma il piccolo sforzo che chiedo a tutti è quello di continuare a navigare a fari spenti, perché la serie B ci insegna che un traguardo è conquistato solo quando lo dice la matematica”.


Messaggio precedenteIl "solito" Mandorlini, squalifica in vista