Meridio, le condizioni dell’offerta “genovese” e il cambio di rotta

Articolo pubblicato: 19 giugno 2017 – 07:39 nella cateogoria News. Puoi rimanere aggiornato tramite il feed RSS 2.0.
Questo post è stato scritto da Giovanni Barcaro

Una partita a scacchi fuori dal campo disputata a colpi di comunicati stampa. Si può riassumere anche così la -stucchevole- cessione del Vicenza calcio. All’alba di una giornata che può dire molto sul futuro della società di via Schio, è giunta in redazione la lettera di Gerardo Meridio, in risposta alle dichiarazioni di Marco Franchetto, che riportiamo integralmente:

Spiace leggere l’epilogo della vicenda che coinvolge il futuro del Vicenza Calcio ed i rapporti fra i soci VI.Fin, ma intervengo in merito alle scorrette e superficiali citazioni del Sig. Franchetto relative all’offerta presentata dal gruppo di imprenditori genovesi per l’acquisizione del Vicenza Calcio.
Il Sig. Franchetto dapprima ha “smentito l’esistenza di qualsiasi altra proposta per l’acquisto totale o parziale delle quote della società” e le ha definite “chiacchiere prive di qualsiasi fondamento”, poi ha cambiato versione ammettendo di avere avuto un incontro con il sottoscritto ma ritenendo la proposta “non degna ….” e dichiarando che “si parla del nulla…”
Sono parole pesanti ed offensive rispetto un serio gruppo imprenditoriale che in via ufficiale si è reso disponibile a rilevare le quote del Vicenza Calcio e i debiti pregressi.
I primi contatti nei scorsi mesi con il Presidente del Vicenza Calcio, poi dimissionario Pastorelli, per l’acquisizione del 99% delle quote del Vicenza Calcio, in seguito la proposta è stata formalizzata in data Mercoledì 14 giugno al Vicenza Calcio, così riassunta:
– disponibilità a compartecipare al pagamento degli stipendi arretrati, necessari per l’iscrizione al campionato senza punti di penalizzazione;
– assunzione dei debiti pregressi: quello con l’erario, secondo il piano di rientro concordato; quello con l’amministrazione comunale e con i fornitori salvo una quota di 200.000€ da porre a carico degli attuali soci;
– disponibilità a rimborsare ai soci che si assumono il pagamento degli stipendi arretrati le somme derivanti dalla vendita di tre giocatori a loro scelta ed i contributi provenienti dalla federazione ad eccezione del cosiddetto paracadute.
Giovedi 15/6 presso Publitalia ho incontrato il Sig. Franchetto Marco alla presenza dei soci di VI.FIN Adamo, Mandato, del commercialista Borsato, ed ero accompagnato da un comune amico il Sig. Pietro Magaddino.
Nell’incontro abbiamo discusso i contenuti dell’offerta “genovese”, ho confermato la disponibilità a compartecipare al pagamento degli stipendi arretrati, ed ho informato dell’investimento complessivo di svariati milioni di € e delle sponsorizzazioni disponibili del rilancio del settore giovanile, ristrutturazione dello stadio ecc.
È pur vero che nel corso dell’incontro in un paio di occasioni al Sig. Franchetto è sfuggita la parola “esclusiva “ nei confronti della Boreas, oltre al commento “il Vicenza Calcio non è alla canna del gas come viene scritto nei giornali …” Ho chiesto esplicitamente se c’erano margini per una trattativa o se era concluso il contratto con la Boreas.
Siamo invece stati invitati a presentare l’offerta entro l’assemblea con il piano complessivo di rilancio del Vicenza calcio e gli impegni economici futuri.
Abbiamo chiesto di avere i conti della situazione creditoria e debitoria della società, necessaria per una articolata offerta e più volte sollecitato il commercialista Boscato, che ci ha avvisato di non avere autorizzazione in tal senso da Franchetto. Poi venerdì sera ci è giunta l’email dell’avv. Polato che in nome e per conto del Vicenza Calcio ci ha informati che “non vede la possibilità di proseguire nel percorso”.
In sintesi non sono interessati ad altre offerte se non quella della Boreas.
Non so cosa sia cambiato da giovedì con i vertici del Vicenza Calcio, prima invitano a presentare il piano poi cambio repentino e non sono interessati ad altre offerte.
L’avv. Polato mi ha invitato a tenere riservata la sua email, ma oltre a non avere sottoscritto alcun accordo in tal senso, forse non si coglie che la questione Vicenza Calcio non è affare privato fra i soci di Vi.Fin. ma riguarda la collettività, i tifosi in primis e tutti i vicentini che hanno nel cuore i colori biancorossi, che vogliono chiarezza, prospettive ma anche trasparenza.
La proposta presentata voleva essere un aiuto e dare una prospettiva per il futuro di questa squadra che tanto ha dato ai tifosi, a questa città e provincia. Ovviamente prendiamo atto che Franchetto e Polato non vogliono altre offerte sul piatto.
Abbiamo discusso a lungo con l’ex Presidente Pastorelli nei mesi scorsi che ci ha sempre rispettato ed ascoltato, se ci saranno i presupposti per proseguire, rinnoviamo a lui in quanto AD della Vi.Fin la nostra disponibilità.
Dott. Gerardo Meridio
Dott. Paolo Lodi


Messaggio precedenteAssemblea Vi.Fin, prima l'iscrizione, poi la cessione