Reggiana-Vicenza: le pagelle

Articolo pubblicato: 10 ottobre 2017 – 13:45 nella cateogoria PRIMO-PIANO, Stagione 2017-18. Puoi rimanere aggiornato tramite il feed RSS 2.0.
Questo post è stato scritto da Redazione

Valentini: 6 – Sempre attento e preciso negli interventi che deve compiere. Nulla può sul gol della Reggiana scaturito da un tiro dai venti metri in cui è decisiva una involontaria deviazione di Milesi

Turi: 6 – Prima della partita si temeva potesse essere l’anello debole della squadra, ma invece la sua prestazione, all’esordio da titolare, è sufficiente

Crescenzi: 6 – Gli attaccanti della Reggiana creano molto poco e questo è senza dubbio merito dei difensori biancorossi. Di testa ed in anticipo respinge tutto quello che passa dalle sue parti

Milesi: 6 – Vedi sopra. Se lo 0 a 0 resiste fino al minuto 78 il merito è della linea difensiva che nella ripresa deve affrontare l’assalto della Reggiana. All’89’ prova a trovare il gol di testa ma manda alto

Giraudo: 5,5 – In campo mette grinta e corsa, ma commette tanti errori di misura che vanificano le buone intenzioni. Nel finale cresce il nervosismo e commette qualche fallo di troppo

Tassi : 5,5 – Nel primo tempo  effettua qualche buona verticalizzazione, ma è carente in fase di copertura.  Scompare nella ripresa fino a consegnarsi all’inevitabile sostituzione  (dal 69′ Salifu: 5 – entra e ne azzecca poche sia in fase di recupero palla chee di impostazione. Finora è il lontanissimo parente del giovane promettente lanciato a Vicenza in serie B ormai sei anni fa da Rolando Maran)

Romizi: 5 – Qualche discreta apertura nel primo tempo ma troppo poco per chi dovrebbe prendere in mano le redini del gioco. Nella ripresa è schiacciato all’indietro e non riesce mai a far ripartire l’azione (dal 79′ Di Molfetta: s.v.  – subentra a frittata compiuta, quando è chiaro che recuperare era impresa quasi impossibile)

Alimi: 4,5 – Il tempo che passa dopo il lavoro estivo in ritiro dovrebbe aiutarlo, considerata la costituzione fisica possente, a migliorare lo stato di forma e le prestazioni. Invece le ultime partite hanno mostrato un giocatore in evidente difficoltà

Giacomelli: 5,5 –  Un cambio che non avremmo fatto, considerato che dalla sua parte sono arrivati i pericoli per la porta di Facchin. L’unico tra i biancorossi che saltava il diretto avversario e che è andato al tiro seppur con mira sballata (dal 62′ Lanini: 5 – dicono che sia giocatore dal potenziale importante e che abbia i mezzi per fare bene. Cominci a dimostrarlo sul campo perchè finora a Vicenza il suo contributo è stato molto limitato)

Comi:5,5 –  Sua l’occasione più chiara per trovare il gol con il portiere avversario che respinge con un pò di fortuna proprio sulla linea di porta. Per il resto poco altro da segnalare, ma se è costretto a giocare sempre spalle alla porta non è certo tutta colpa sua (dal 62′ Ferrari 4,5 –  oltre mezz’ora e non ne azzecca una. Sbaglia anche la scelta dei tacchetti  visto che più volte scivola e finisce per terra)

De Giorgio: 5 – Prestazione senza guizzi, quasi della serie vorrei ma non posso. Imperdonabile l’errore in occasione del gol della Reggiana quando perde palla a ridosso dell’area di rigore invece che allontanare oppure liberare lateralmente

Colombo: 5,5 – Nella ripresa la squadra non gioca, chiudendosi nella sua metà campo senza ripartire mai. Preoccupa il calo progressivo delle prestazioni, e la metamoforsi in negativo di alcuni giocatori. La qualità a disposizione soprattutto a centrocampo non è certo di primo livello, e per questo è necessario anche cambiare l’idea di calcio con cui si era partiti. Compito non facile ma spetta a lui rimettere in pista una squadra sempre più confusa e in difficoltà.


Messaggio precedenteVerso Fermana-Vicenza: arbitra Marchetti