Triestina-Vicenza: le pagelle

Articolo pubblicato: 12 marzo 2018 – 08:48 nella cateogoria PRIMO-PIANO, Stagione 2017-18. Puoi rimanere aggiornato tramite il feed RSS 2.0.
Questo post è stato scritto da Redazione

Valentini 7 – Prestazione attenta e precisa su ogni pallone. E’ determinante nell’uscita su Bracaletti che gli si presenta davanti da solo, e lui è bravo nel murare la conclusione dell’avversario

Malomo 7 – Difende duro su Mensah, e quando può viene in avanti con buon costrutto. Giocatore determinante anche fuori dal campo perchè quando parla non dice mai cose banali

Crescenzi 6,5 – Esce malconcio da uno scontro con Arma ma non molla. Bene nell’anticipo, vince nettamente il duello con l’ex biancorosso

Milesi 6,5 – Vedi sopra. Respinge con attenzione e concentrazione tutto quello che passa dalle sue parti. Prende un giallo su una ripartenza degli avversari ma nell’occasione la colpa è solo in minima parte sua

Giraudo 6 – Ingaggia un duello tutta velocità con Bariti a cui concede poco. Spinge poco rispetto al solito ma rispettando un preciso ordine di scuderia

Alimi 6 –  E’ il suo campo e la sua partita ma non eccelle come si sperava.  La sufficienza è di incoraggiamento (dal 56 Tassi 6 – entra con il piglio giusto cercando, per quello che concedeva il campo, di dare un pò di qualità alla manovra. Lotta e combatte su tutti i palloni rimendiando anche una sospetta frattura del setto nasale)

Romizi 6,5 – Giocatore chiave in questo Vicenza. Gioca tanti palloni con buon costrutto e quando c’è da mettere una pezza c’è sempre

Jakimovski 6 – Porcari lo azzoppa dopo pochi minuti con un fallaccio che spacca la scarpa e taglia il piede del biancorosso. Copre e spinge con alterne fortune, ma giocando la condizione non può che migliorare (dal 56 Giorno 6 – porta  vivacità e qualche buon spunto in cui però si dimostra un pò troppo egoista. Conferma comunque di essere un giocatore su cui contare)

De Giorgio 6 – Il campo non lo aiuta ma quando tocca il pallone qualcosa di buono crea sempre  (dal 92 Bianchi s.v. – due minuti in cui recupera due palloni che potevano diventare pericolosi)

Ferrari 6,5 – Partita più di lotta libera con Codromaz che di calcio con il difensore della Triestina che usa spesso le maniere forti. Partita di sostanza con un paio di buoni spunti e di combinazioni con Comi (dal 82 Giusti s.v. –  un paio di contropiedi riusciti  a metà nei minuti finali)

Comi 6,5 – Come per Ferrari, un pomeriggio da battaglia. E’ protagonista del gol annullato (e ci sta), ma viene abbattutto da Codromaz mentre punta la porta avversaria senza che il direttore di gara intervenga. Episodio che poteva cambiare la partita e su cui Zanini si è molto arrabbiato

Zanini 6,5 – Punto di sostanza in un campaccio (in tutti i sensi), dove finora ha vinto solo il Renate. Schiera una squadra fisica per poi finire con qualche giocatore tecnico in più, ma tutti lo seguono e nessuno molla niente. Ora bisogna vincere al “Menti” ma questo lo sa bene anche lui.


Messaggio precedenteCena sociale Gruppo Fantasma: 280€ per il Vicenza