De Bortoli risponde a Gravina: “Vicenza non ha avuto trattamenti di privilegio”

Articolo pubblicato: 15 maggio 2018 – 15:42 nella cateogoria News. Puoi rimanere aggiornato tramite il feed RSS 2.0.
Questo post è stato scritto da Daniele Scaramella

NOTA DEL CURATORE

In riferimento a quanto apparso a mezzo stampa sul Corriere di Romagna, oggi 15.05.2018, che riporta le presunte dichiarazioni del Presidente di Lega Pro Gabriele Gravina rilasciate in relazione al doppio confronto di Playout fra Vicenza Calcio e Santarcangelo Calcio, il Curatore del Vicenza Calcio Spa prende atto di quanto pubblicato nelle pagine del suddetto organo di informazione, volendo precisare quanto segue:

“ Vicenza Calcio durante l’esercizio provvisorio ha provveduto a rispettare tutti i termini imposti dal Sistema Licenze Nazionali relativamente al pagamento di quanto dallo stesso richiesto, non assumendo quindi in alcun modo posizioni di privilegio rispetto a qualsiasi altra concorrente al campionato di Serie C.

La gestione del Vicenza Calcio nel periodo pre fallimentare, che ha poi condotto alla penalizzazione di 3 punti in classifica, non può essere pagata oltremodo dalla Squadra, che già ha dovuto sopportare condizioni ambientali ed economiche difficili e che nulla hanno a che vedere con il calcio giocato.

Sono certo altresì che le dichiarazioni rilasciate dal Presidente Gabriele Gravina, al quale tutto il Vicenza Calcio riconosce da sempre professionalità, competenza, equilibrio ed imparzialità, non volessero e non possano in alcun modo condizionare le due gare di Playout fra Vicenza e Santarcangelo; gare che la società Vicenza Calcio è pronta ad affrontare con la determinazione ed il rispetto necessario che Lega Pro, Città di Vicenza e Tifoseria Biancorossa meritano, con il solo obiettivo di conquistare quella salvezza sportiva in cui tutti noi ancora crediamo”.

 

Cordialmente

Dott. Nerio De Bortoli
Curatore
Vicenza Calcio Spa

(www.vicenzacalcio.com)


Messaggio precedenteCurva Sud: "Vogliamo la salvezza sul campo. Sabato tutti in marcia verso lo stadio, solo per la maglia"