Procedura licenziamento dipendenti errata, iter da rifare

Articolo pubblicato: 9 giugno 2018 – 13:04 nella cateogoria News, PRIMO-PIANO. Puoi rimanere aggiornato tramite il feed RSS 2.0.
Questo post è stato scritto da Redazione

La nuova società che nascerà dalla fusione tra il Bassano Virtus 55 e il Vicenza calcio usando il titolo della società giallorossa verrà ufficializzata nei prossimi giorni, quando la documentazione sarà perfezionta e la holding Only the Brave di proprietà della famiglia Rosso firmerà davanti al notaio l’acquisizione del club berico. Sul nome della nuova squadra i sondaggi si sono sprecati, mentre il lavoro della nuova proprietà procede tra qualche intoppo come quello, per la verità abbastanza clamoroso, che ha visto la curatela commettere un errore nella procedura finalizzata al licenziamento dei dipendenti considerato che l’iter è stato portato avanti a livello individuale mentre la formula corretta prevedeva il licenziamento collettivo previo accordo sindacale. Un intralcio che la parte acquirente sta lavorando per sistemare, cosi come si sta procedendo anche per rispettare le norme federali visto che le modalità usate per l’acquisizione del Vicenza calcio, così come la successiva fusione con il Bassano Virtus 55, non hanno precedenti in Federazione. Finora infatti un caso come quello portato avanti nell’acquisizione del club berico non rientra chiaramente nelle norme federali (art. 15 – 16 – 20 del Noif) che non sono del tutto chiare circa la procedura da seguire, che porterà, come corretta conseguenza del concetto di fusione tra due club, alla sparizione di una delle due società. Tutte questioni che necessitano di un po’ di tempo ed è probabilmente per questo che la firma, prevista dal bando dopo sette giorni dall’approvazione dell’offerta, arriverà con un po’ di ritardo. Tempo ce n’è, ma ulteriori rinvii sarebbero da evitare considerato che l’iscrizione alla Serie C 2018-2019 dovrà essere ultimata entro e non oltre il 30 giugno, come ha reso noto con un comunicato la Lega Pro nei giorni scorsi.


Messaggio precedenteStefano Rosso: "Progetto ambizioso con molte più domande che risposte"