Al “Mancini” il L.R. Vicenza non va oltre lo 0-0. Queste le principali dichiarazioni raccolte in tempo reale dalla sala stampa dove oltre agli inviati di biancorossi.net era presente il capo redattore dello sport del gionrale di Vicenza Eugenio Marzotto:

Mister Colella: “Un po’ di preoccupazione ci sta in un momento così delicato. I miei ragazzi però sono stati bravi a non rischiare nulla. Un cambio di modulo fatto in quattro giorni non può produrre effetti spettacolari ma abbiamo fatto una buona prova. Peccato perché da un po’ di tempo non stiamo simpatici agli arbitri. Un po’ meno precisi nella fase di non possesso ma è normale. Sono partite che spesso e volentieri si sblocca per un’azione su punizione e ci abbiamo anche provato. Il fatto di essere solidi in questo periodo è già positivo. Risaliamo un passo per volta, impossibile uscire con una prestazione roboante. Se nella ripresa abbiamo giocato meglio non è solo questione di gamba ma anche di impostazione tattica. E’ mancato il guizzo perché ci è mancato l’ultimo passaggio. Ora dobbiamo continuare a non subire nulla e creare di più. Primo tempo un po’ remissivi specie con gli esterni ma poi siamo cresciuti. Sono contento che la squadra abbia dimostrato di essere viva, specie per questi ragazzi che non meritano le situazioni degli ultimi tempi. Dopo questo pareggio mi sento più sicuro ma questo lavoro è così: oggi va in un modo, domani chissà…”.

Tascone (centrocampista Fano): “Oggi la squadra ha fatto una grande partita e meritava anche qualcosa in più ma è un gran punto guadagnato. Il mister ci aveva avvisato sulla qualità del biancorossi e noi abbiamo dimostrato di essere attenti e in crescita, ci manca solo il guizzo sotto porta. Sono contento di essere tornato, spero che il mister continui a premiarmi”.

Grandi: “Sapevamo che sarebbe stata una partita su un campo ostico e a noi è mancato solo il gol perché quanto a grinta e volontà ne abbiamo messe parecchio. Di buono c’è la prestazione e ce la teniamo stretta per la prossima partita davanti ai nostri tifosi. Non ricordo un loro tiro in porta, forse solo la punizione che però è andata fuori. Noi siamo stati bravi, compatti e ordinati a differenza di altre partite. Abbiamo dimostrato che con la giusta grinta siamo attenti dietro e pericolosi davanti. E’ normale che inizialmente ci fosse un po’ di nervosismo dato il periodo che stiamo vivendo. Il mister da parte del nostro gruppo non è minimamente in discussione, non voglio nemmeno sentir parlare di queste cose. E’ mancato solo il gol: sapevamo che potevamo vincerla anche nell’ultimo quarto d’ora perché loro sarebbero calati e noi abbiamo cambi all’altezza. Peccato ma ci rifaremo già alla prossima. Rosso è venuto a stimolarci quindi abbiamo lavorato serenamente come facciamo tutte le settimane: l’unica cosa che conosciamo è il lavoro quindi continuiamo su questa strada non arretrando di un centimetro”.

Sosa (difensore Fano): “Sono contento dell’atteggiamento della squadra, specie dei giovani, perché abbiamo capito che dobbiamo lottare su ogni pallone. Siamo stati bravi perché siamo stati tosti altrimenti l’avremmo persa. La perdita di Filippini, dopo Lazzari infortunato, non ci ha permesso di essere efficaci sulle palle inattive che è un po’ la nostra specialità”.

Mantovani: “Oggi era la classica partita in cui dovevamo ritrovare certezze. Nel primo tempo non abbiamo rischiato nulla ed è stato più guardingo mentre nella ripresa abbiamo cercato la vittoria ma purtroppo non ci è andata bene. Abbiamo interpretato la gara nel modo giusto con le giuste distanze. Avremmo potuto essere più incisivi con gli esterni alti ma è un nuovo modulo e i meccanismi sono ancora da oliare. Non voglio parlare dell’arbitro ma ci sono stati episodi molto dubbi anche su di me che quando ho calciato in porta ero braccato da dietro. Ad ogni modo se continueremo a fare prestazioni come oggi sicuramente i risultati arriveranno. Volevamo vincere ma ci è mancato l’episodio: nella ripresa abbiamo creato sulle fasce e sui calci piazzati. Può essere uno schema utile per diversi frangenti senza però abbandonare il modulo precedente. Noi siamo assolutamente con il mister, persona che si dimostra intelligente. Ci possono essere difficoltà però noi siamo uniti per uscire da questa piccola crisi di risultati”.

Epifani (allenatore Fano): “Abbiamo fatto una grande partita contro una squadra costruita per vincere. Non abbiamo rischiato nulla se non su un diagonale di Giacomelli nato da nostro errore di interpretazione del fuorigioco. Abbiamo fatto una gran partita a livello di attenzione senza rischiare nulla contro una squadra di grandissime qualità. Abbiamo preso un grande punto e se avessimo avuto un po’ di fortuna avremmo preso i tre punti e nessuno avrebbe potuto dire nulla”.