Dopo L.R. Vicenza-Albinoleffe: le parole dei biancorossi

Articolo pubblicato: 26 Dicembre 2018 – 16:31 nella cateogoria News, PRIMO-PIANO. Puoi rimanere aggiornato tramite il feed RSS 2.0.
Questo post è stato scritto da Giovanni Barcaro

Il Vicenza chiude il 2018 del Menti con un pareggio. Contro l’Albinoleffe termina 1-1 con Sbaffo a pareggiare il gol di Razzitti. Proprio l’attaccante è tra i protagonisti della sala stampa:

Mister Colella: “Non siamo in un momento fantastico ma è pur vero che non possiamo concedere nemmeno mezza occasione perché gli altri sfruttano qualsiasi cosa. Per vincere dobbiamo fare due gol perché uno lo becchiamo sempre. Non siamo demoralizzati, semmai arrabbiati perché lavoriamo tanto e bene ma sembra non bastare nemmeno metterci l’anima. Pur cambiando modulo nel primo tempo abbiamo fatto tre, quattro cose buone trovando meritatamente il vantaggio. Nella ripresa abbiamo provato a fare qualcosa di diverso ma senza successo. Mancava Arma ma Razzitti ha fatto una buona partita e siamo contenti di averlo ritrovato, perfino in anticipo rispetto ai tempi previsti. In questo girone d’andata se ci fosse stata una gestione più attenta di alcuni momenti potevamo avere qualche punto in più. Se sono stato costretto a cambiare modulo vuol dire che c’era bisogno di ripartire. I ragazzi però l’hanno assimilato discretamente. Non siamo in linea con ciò che volevamo ma non siamo nemmeno morti. E’ un momento di non serenità quindi ogni cosa è più complicata. Giocare 3-5-2 ci permette di giocare in ampiezza ma dobbiamo abituarci a giocare in avanti per avere più verticalità. Non a caso alla fine cercavo maggiore verticalità con il trequartista e i meccanismi di inizio stagione. I fischi evidentemente sono dovuti al fatto che i tifosi non sono felice ma se venite in spogliatoio nessuno è felice ma ciò non vuol dire che non siamo combattivi. Non ci nascondiamo: è indubbio che siamo sotto gli obiettivi previsti ma ciò ci porta a lottare e lavorare con ancor più concentrazione per andare oltre”.

Marcolini (allenatore Albinoleffe): “Siamo andati sotto da calcio da fermo ma poi siamo stati pericolosi. Soprattutto sulla destra con Gonzi abbiamo creato parecchi problemi al Vicenza. Siamo andati sotto con una spallata che ci poteva far male perché eravamo in uno stadio caldo contro una squadra di qualità ma noi non ci siamo disuniti e abbiamo creato con Sbaffo e Gonzi rischiando solo su Salvi con Coser che non è stato mai impegnato. E’ quindi un pareggio importante specie per la prestazione con segnali importanti da parte dei miei ragazzi. Pur non venendo qui solo per difenderci abbiamo lasciato pochi spazi al Vicenza e il campo ci ha dato ragione. Il Vicenza è un’ottima squadra con buoni valori. Ho visto tante squadre e ho notato che anche quando esce sconfitto crea parecchio. Chiaramente una piazza simile merita di stare nei primi posti ma soprattutto il girone B è molto equilibrato e basta un mezzo passo falso per perdere contatto ma i biancorossi hanno tutte le carte in regola per chiudere in alto in classifica”.

Pasini: “Non è andata come volevamo perché abbiamo subito un gol su deviazione. E’ un momento che queste cose ci vanno storte e quindi dobbiamo pensare solo a lavorare e alla prossima partita. Facciamo fatica a reagire ma dobbiamo invertire la rotta già dalla sfida contro la Giana. Ci abbiamo provato fino alla fine, talvolta però in modo confusionario. Quando le cose andavano bene la gente era a proprio favore, sappiamo come va il calcio ma speriamo ci supportino sempre, anche nei momenti di difficoltà. Pordenone a parte la classifica è molto corta ma a noi importa tornare alla vittoria quanto prima”.

Razzitti: “Personalmente sono veramente felice perché sono sette mesi che mi immaginavo una giornata come questa. Sono contento per me e per la mia famiglia che mi segue sempre, il gol è per loro. Questi sono i miei gol: vivo l’area di rigore con molta enfasi e sono pronto al minimo errore degli avversari. Dobbiamo continuare a lavorare perché la prestazione anche oggi c’è stata e quindi se continuiamo così ce la possiamo fare ad uscire da questo momento. Fino ad oggi avevo giocato solo 70′ in tutto quindi spero che questo sia un punto di partenza per ricavarmi più spazio e spero di guidare l’attacco anche a Gorgonzola. La vittoria manca da tanto quindi è normale che i tifosi inizino a rumoreggiare. Noi dobbiamo cercare di sbagliare il meno possibile confidando che già la prossima partita possa essere quella della svolta perché questo Vicenza vale di più della posizione attuale. Speriamo di vincere contro la Giana in modo che poi possiamo affrontare la sosta con maggiore serenità”.


Messaggio precedenteColella e Marcolini dopo L.R. Vicenza-Albinoleffe (video)