Si ferma a Pescara la striscia positiva del Vicenza. Dopo quattro risultati utili consecutivi arriva l’ottava sconfitta esterna stagionale per i biancorossi, autori di una prova scialba e confusa. In verità, nemmeno gli abruzzesi fanno molto per guadagnare i tre punti. Ma hanno il merito di trovare il vantaggio nel primo tempo, su una disattenzione generale della difesa berica. Il gol rappresenta l’unico tiro biancoazzurro nello specchio della porta dell’intera prima frazione, contro lo zero assoluto di Abbruscato e compagni. Seconda frazione un pò più vivace e Vicenza che prova la reazione. Ma la qualità di gioco è intermittente, la stanchezza per il recupero di mercoledì contro il Siena si fa sentire. Le vere occasioni da rete si contano sulle dita di mezza mano. La più grossa capita sui piedi di Abbruscato (tiro svirgolato a due passi da Pinna). Nel finale Sansovini sfiora un paio di volte il raddoppio, mentre all’ultimo respiro Martinelli si lamenta per un intervento in area, apparso in effetti al limite del regolamento. I pescaresi portano a casa, tutto sommato meritatamente, la vittoria, mentre la ricerca di continuità invocata alla vigilia da Maran dovrà apettare tempi migliori.     

PRIMO TEMPO

8′ il primo pericolo è creato dal Pescara. Angolo di Bonanni dalla sinistra del fronte d’attacco abruzzese, palla appena fuori area dove irrompe Ariatti che calcia  di prima intenzione, sfera deviata nuovamente in corner da Gavazzi

11′ contropiede biancoazzurro che libera l’ex Bonanni al tiro dal vertice sinistro dell’area di rigore vicentina. Sinistro potente, ma abbondantemente fuori bersaglio

25′ GOL DEL PESCARA. Match che langue a centrocampo, nessuna occasione vera. Ma il terzo calcio d’angolo è fatale al Vicenza. Centro di Bonanni, respinta a campanile della difesa, palla vicina alla linea di fondo. Una incomprensione tra Gavazzi e Botta permette a Verratti di rimettere di testa in mezzo, dove Mengoni trova la zampata vincente.

36′ un paio di buone iniziative di Gavazzi sulla destra provocano altrettanti corner. Sul secondo traversone ci prova di testa Schiavi, palla respinta dalla difesa, nessun problema per Pinna 

SECONDO TEMPO

4′ una discesa di Di Matteo a destra (Gavazzi è stato spostato a sinistra) provoca un angolo. Dalla bandierina Botta mette in mezzo un ottimo pallone, sul quale Abbruscato si ritrova libero di schiacciare di testa. La palla però tocca terra e schizza alta sopra la traversa della porta difesa da Pinna

12′ tiraccio dai 25 metri di Ariatti, palla a lato di metri dalla porta di Russo

14′ Soligo, in posizione di esterno destro dopo l’uscita di Di Matteo, crossa a centro area, dove ancora Abbruscato gira di testa un pallone troppo debole e centrale per impensierire Pinna

22′ Baclet conquista una punizione sulla tre quarti. Rossi scodella in mezzo per la testa di Tonucci, altro pallone innocuo fra le braccia del portiere abruzzese

27′ una pericolosa verticalizzazione di Bonanni viene fermata al limite dell’area biancorossa, palla che finisce dalle parti di Nicco. Pronto il tiro del pescarese, non di molto a lato

33′ cross di Baclet dalla sinistra del fronte d’attacco berico. Sponda di petto di Abbruscato per l’accorrente Botta, tiro al volo del centrocampista, sporco e fiacco. Pinna dorme ancora sonni tranquilli

39′ Botta d’esterno destro libera in verticale Abbruscato. Il centravanti può calciare solo davanti al portiere biancoazzurro, ma svirgola e perde un’occasione d’oro

41′ Ariatti si libera per il sinistro dal limite dell’area. Tiro potente, ma centrale, Russo para senza difficoltà

45′ il Vicenza è sbilanciato in avanti e si espone al contropiede abruzzese. Sansovini fa mezzo campo palla al piede, poi fa partire il diagonale dal limite, fuori

45’+2′ ancora Sansovini protagonista. Si beve Schiavi all’interno dell’area, esplode ancora il sinistro, il palo salva Russo dalla seconda capitolazione

45’+4′ punizione per il Vicenza da metà campo. Russo calcia in area abruzzese il pallone della disperazione. Martinelli spalle alla porta stoppa di petto, ma prima di girarsi viene agganciato e messo giù da un difensore pescarese. Giacomelli lascia correre, fra le proteste biancorosse

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.