Schiavi 5,5: una prestazione un po’ sottotono, con qualche sbavatura qua e là ed orfana delle sue proverbiali ripartenze. Con la Triestina ci sarà bisogno di riaverlo al top.

Di Matteo 6,5: una prestazione positiva, specie nel secondo tempo dove, prima della sostituzione, è apparso l’unico in grado di scardinare la retroguardia biancazzurra. Forse non andava mandato a far la doccia anzitempo…

(Baclet) 4,5: entra per scardinare la saracinesca di casa, ma nessuno se ne accorge. Dimostrando in questo modo che da Lecce non ci hanno mandato un fenomeno. felice di essere contraddeto già da sabato prossimo.

Botta 5,5: non sta passando il suo miglior momento e forse più di altri ha pagato la gran fatica spesa con il Siena. Il cuore ce l’ha messo, ma le gambe non lo seguivano.

Braiati 5: tanto bene aveva fatto mercoledì, tanto pasticcione e confuso è sembrato nella gara dell’Adriatico. Impegno da 8 ma tutta una serie di passaggi sbagliati, di sbavature tecniche e di corrente alternata.

(Rossi) 6: entra quando la squadra cerca di raddrizzare la partita, ma nella confusione più totale. Cerca di metterci un po’ di fosforo, a volte ci riesce a volte no, ma per lo meno ci prova.

 

Gavazzi 5,5: ha lavorato come un negro sui campi di cotone opposto a un Bonanni particolarmente ispirato. Un lavoro che l’ha limitato fortemente sul piano della spinta offensiva. Il gol del Pescara, inoltre, è mezzo suo…

(Minesso) 4,5: per tornare ad essere il golden boy precedente al crack del ginocchio deve sfornare prestazioni ben più convincenti. Ancora una volta è entrato e si è fatto scappare l’occasione di convincere Maran che è pronto per la prima squadra. Impalpabile.

 

Misuraca 6-: un po’ in flessione rispetto alla precedente prestazione, ma ugualmente una gara da salvare. Sbaglia parecchio, ma costruisce qualcuna delle pochissime trame interessanti dei biancorossi. E corre fin che ne ha…

Abbruscato 5,5: i palloni arrivano con il contagocce e non può certo fare i miracoli. però quel colpo di testa e quel pallone svirgolato, entrambi nella ripresa, potevano essere sfruttati meglio da un bomber di razza.

 All. Maran 6: la squadra era senza  benzina e con la testa poco lucida. Forse poteva lasciare in campo Di Matteo, ma per il resto i cambi sono logici ed ha anche tentato di mischiare le carte dal punto di vista tattico.

Pescara-Vicenza: le pagelle

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui