LA SQUADRA

A guardia della porta varesina troviamo il brasiliano Massimo Zenildo Zappino. Adottato a nove anni da una famiglia di Siracusa (ne ha preso il cognome), Zappino ha passato la sua carriera tra seconda e prima divisione, contribuendo alla promozione in B del Frosinone nel 2006/2007 e disputando l’anno successivo per la prima volta un campionato tra i cadetti. E’ stata quella la sua unica esperienza in B, prima di tornarci con il Varese che lo ha preso da svincolato, dopo la stagione con il Como. Il secondo portiere è il francese Mathieu Christian Moreau, cresciuto nella primavera dell’Inter, anche lui con alle spalle numerosi campionati di prima divisione. Moreau è stato il titolare del Varese che ha conquistato le due promozioni consecutive.

PesoliSulla destra del settore difensivo del 4-4-2 di Sannino c’è il ventitreenne Eros Pisano. Nato a Varese, ha sempre giocato nella squadra della sua città dall’Eccellenza alla serie B, tranne per una breve parentesi al Pisa. Giocatore di fascia, che svolge ottimamente le due fasi, Pisano ha un buon colpo di testa che sfrutta negli inserimenti sui calci da fermo: sono già 4 i gol per lui in questo campionato. Al centro della difesa c’è una vecchia conoscenza biancorossa: si tratta di Emanuele Pesoli (nella foto) che ha vestito la maglia del Vicenza per 45 volte (con 1 gol) in serie B dal 2004 al 2007. Altro valido elemento nel gioco aereo, Pesoli (classe 80) ha disputato finora 26 incontri mettendo a segno una rete. L’altro centrale è il mancino Clayton Machado Dos Santos, brasiliano di ventisei anni, in Italia da undici quando vi arrivò acquistato dal Bologna: passato in seguito nel settore giovanile del Milan, Dos Santos, è al Varese dalla stagione 2006/07 e in questo campionato ha contribuito anche lui alla causa con due gol. Alessandro Camisa, nato in provincia di Lecce nel 1985 e cresciuto nel settore giovanile giallorosso, è un altro dei centrali a disposizione di mister Sannino. E’ in lombardia dal 2008 ed è stato tra i protagonisti della cavalcata che ha portato il Varese dalla seconda divisione alla B.
Sulla corsia di sinistra dello schieramento difensivo biancorosso, c’è Giuseppe Pugliese (di nome e di fatto dato che è nato a Bari nel 1983), giocatore che Ficcadenti volle a Verona e che attualmente è in prestito proprio dai gialloblu. Con trenta presenze (e 1 gol) Pugliese è tra i giocatori più utilizzati da mister Sannino. Il reparto è completato dal terzino mancino Alessandro Armenise (’84) e dal centrale di un metro e novanta, con un passato nelle giovanili nell’Inter, Giuseppe Figliomeni (’87) entrambi però con poche sparute presenze.

CarrozzaSulla fascia destra del centrocampo varesino si sono alternati finora in due: il primo è l’esterno Giampiero Zecchin,(’83) padovano di Camposampiero che con i biancoscudati ha speso gran parte della carriera prima di esordire in B con il Grosseto, nella sua unica stagione disputata tra i cadetti prima di questa con il Varese. Zecchin è al suo secondo anno con i biancorossi lombardi. L’altro è Fabio Concas, genovese di ventiquattro anni, cresciuto nella primavera della Samp. La scorsa stagione con la Ternana è stata la migliore per lui, che alla fine ha segnato 6 gol e il tutto gli è valso l’interessamento del Varese che ha deciso di acquistarlo. Tra i centrali il più presente (29 gare giocate) è finora Daniele Corti, giocatore duttile e tra i fedelissimi di mister Sannino (che lo ha allenato anche a Lecco) che a trent’anni ha finalmente conosciuto la B, dopo anni spesi tra Prima e Seconda Divisione. Per sopperire alla partenza a gennaio di Buzzegoli il Varese ha acquistato il centrocampista argentino Lucas Alberto Belmonte Correa. nato nel 1984 a Rosario e arrivato in Italia nel 2004, dove è stato notato e acquistato dalla Lazio. Dopo anni di prestiti in Prima Divisione all’inizio di questa stagione ha rescisso il contratto con la Lazio e a gennaio è approdato al Varese: centrocampista raffinato tecnicamente, sa giocare da rifinitore e da regista. Molto abile nel calciare le  punizioni, sa inserirsi in area e rendersi pericoloso: segna anche parecchio (il suo record a Busto Arsizio, quando nella stagione 2008/2009 segno 12 gol in 25 partite, trascinando la Pro Patria ai playoff). Ventidue presenze e due reti finora, invece, per il centrocampista centrale Alessandro Frara, torinese, classe 1982, cresciuto nel vivaio della Juventus con cui disputò anche una partita di Champions’ League nel lontano 2001. Frara arrivato in regime di svincolo, a causa del fallimento della sua ex squadra (il Rimini), è tra i giocatori più esperti del Varese avendo disputato 19 partite in Serie A con il Bologna (stagione 2002/03) e numerosi campionati in B con Ternana, Spezia e Rimini. Ventidue presenze conta anche il giovanissimo nigeriano (nato nel 1990) Wilfred Chinoye Osuji, prodotto del settore giovanile del Milan da cui è arrivato in prestito nella scorsa stagione rimanendo quest’anno in comproprietà. Osuji però non sarà della partita a causa dello stop per squalifica. Chiudiamo il reparto con uno dei bomber della squadra con le sue 5 reti: si tratta del leccese Alessandro Carrozza (nella foto), talentuoso esterno di fascia di 29 anni, alla sua seconda esperienza in B dopo quella con il Pisa nel 2008. A quanto pare il modulo di Sannino si adatta perfettamente alle caratteristiche di questo giocatore che già l’anno scorso aveva messo a segno 8 gol.

 

EbaguaDopo le 14 reti siglate sempre a Varese nella stagione della promozione, è stato ottimo l’esordio in B per il nigeriano Osariemen Ebagua, (classe ’86 – nella foto) che i biancorossi prelevarono dalla Canavese,  Ebagua, che nel 2005 ha vestito la maglia del Torino in serie B, senza però mai scendere in campo, è un attaccante frizzante e veloce, in grado di mettere in difficoltà le difese avversarie grazie alle sue frequenti incursioni in area e abile nel gioco acrobatico nonostante la mole (185 cm x 80 kg). Gli infortuni l’hanno un po’ frenato ma al momento, con 7 gol, è il miglior marcatore della sua squadra. Discorso analogo può essere fatto per il fantasista brasiliano Leonidas Neto Periera, nato nel 1979, che il Varese prese nel 2009 dal Itala San Marco, unica precedente squadra in cui Perreira ha militato nella sua carriera.e con cui ha segnato più di 100 gol tra serie D e Seconda Divisione. Come Ebagua, Neto Pereira è alla sua prima esperienza in B che però ha scavallato senza grandi problemi viste anche le 6 reti realizzate. Al momento il giocatore è reduce da un intervento chirurgico al ginocchio e quindi sarà un problema in meno per la difesa del Vicenza.
Pietro Tripoli, palermitano classe ’87, rientra nella rosa degli attaccanti ma spesso Sannino lo schiera da esterno di centrocampo. Calciatore molto rapido e dotato di buona tecnica ha iniziato la carriera da seconda punta, ma con il tecnico napoletano si è specializzato nel nuovo ruolo dove viene utilizzato con più continuità. Al suo quarto anno in lombardia, Tripoli è un altro dei giocatori che hanno vissuto da protagonisti la doppia promozione dalla Seconda Divisione. Si sono aperte quest’anno invece le porte del professionismo per Enis Nadarevic, centravanti bosniaco di 23 anni, reduce dall’esaltante esperienza in serie D con la Sanvitese, dove ha straripato con un bottino finale di 30 gol. In B, però, è tutt’altra musica e Nadarevic che è sceso in campo in sole 7 occasioni per  ora è ancora all’asciutto.
E’ arrivato a gennaio dal Cile, ma al momento ha sole tre presenze, il centravanti cileno Sebastián Andrés Pinto, classe 1986, nativo di Santiago e proveniente dall’Audax Italiano. Il calciatore, dal fisico imponente (185 centimetri per 90 kg), ha passaporto comunitario e in patria viene chiamato “El tanque”, il carro armato.  Tre presenze ma di altro peso anche per il giovane talento di casa: parliamo di Giuseppe De Luca autore della rete che nell’ultima giornata ha permesso al Varese di strappare il pari a Trieste e protagonista all’ultimo Torneo di Viareggio dove ha segnato 7 reti.  De Luca, per tutti la “zanzara”, veloce, cinico,e spietato negli ultimi venti metri, compirà vent’anni il prossimo 11 ottobre e pare avere un grande futuro davanti a se. Il ricco reparto offensivo varesino si completa con il recente ex Jose’ Carlo Tofolo Junior Alemao (’89), che dopo le poco convincenti prestazioni con il Lane, pur se impreziosite da 2 reti, è stato mandato in prestito fino a giugno nello scambio che a portato Cellini a Vicenza.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui