Con il comunicato della Figc arrivato in serata, c’è stato anche il via libera alla stesura dei calendari. La prossima Serie B presenterà in griglia di partenza 19 squadre, senza dunque le tre società che avrebbero dovuto subentrare ai blocchi lasciati vuoti da Bari, Avellino e Cesena. La richiesta di una seconda serie senza ripescaggi è stata promossa dalla Lega di Serie B e appoggiata dalla Federazione in un secondo momento. “Notizie dal caos: mai visto nulla del genere! La Figc del commissario Fabbricini cambia in extremis e in corsa le proprie norme (49 e 50 Noif) per non andare allo scontro con la Serie B e riduce con effetto immediato il format a 19 squadre (occorrevano due anni fino a stasera)”, scrive sul profilo Twitter Marco Bellinazzo, noto giornalista de Il Sole 24 Ore. Non si è fatta attendere la dura reazione di Gravina, presidente della Lega Pro: “Con la decisione presa dal commissario della Figc del blocco dei ripescaggi nella Lega di B prendiamo atto inermi dello sfascio senza guida del calcio italiano. Spero che l’organo di vigilanza preposto di Palazzo Chigi prenda provvedimenti per questo abuso”.