Oralee Clinica Dentale Vicenza
PRIMO-PIANO

Di Carlo: ” Oltre agli undici saranno importanti i titolari che entreranno dalla panchina”

0
2296

Nell’immediato dopo gara Mimmo Di Carlo è soddisfatto della prestazione della squadra e soprattutto che tutti hanno mostrato di stare bene. “ Significa che lo staff sta facendo un ottimo lavoro ma anche che i ragazzi stanno sul pezzo e sono attenti e concentrati in ogni cosa che fanno. Avere tutta la rosa a disposizione per un allenatore è un vantaggio perché c’è la possibilità di scegliere in base alla partita che vorremmo impostare “. Di Carlo sottolinea come non abbia ancora deciso quale sarà l’undici che scenderà in campo ma fa capire che contro il Padova saranno fondamentali anche i cambi. “ Dal primo minuto ne posso schierare undici ma per me saranno importanti anche i titolari che entreranno dalla panchina – sottolinea il tecnico biancorosso che di riserve nel suo gruppo non vuol proprio sentir parlare – perché per vincere partite come questa c’è bisogno di essere squadra che, come ho sempre detto, è la cosa più importante di tutto “. Domenica è prevista pioggia sul “Menti” ma la formazione iniziale non sarà condizionata dalle condizioni meteorologiche e del terreno di gioco. “ Dipende da che partita vorremmo fare noi, se avremo bisogno di fisicità oppure di rapidità. Ci sono varie soluzioni che proveremo negli ultimi due allenamenti che svolgeremo a porte chiuse lontano da occhi (non vicentini) indiscreti “. Sulle difficoltà incontrate nelle partite precedenti contro le compagini che, come il Padova, giocano a cinque dietro, Di Carlo è lapidario. “ Se noi facciamo quello che sappiamo e corriamo tutti e bene non avremo problemi tattici – spiega il tecnico biancorosso – le difficoltà nascono se non riusciamo a fare in campo quanto abbiamo provato. Ma da questo punto di vista la squadra è cresciuta e tatticamente farà bene “. Sui singoli Di Carlo non si sbilancia cercando di non dare vantaggi al Padova. “ Vandeputte? Sta bene, oggi ha giocato interno prima e trequartista nella parte finale della gara e deciderò dove schierarlo in base alla partita che imposteremo. Rigoni? E’ in crescita, ha bisogno di giocare due partite di fila da novanta minuti, ma sul valore del giocatore non ci discute “.