L’Agriturismo Barco Menti di Monteviale ha accolto una grande festa di sport, di amicizia e di solidarietà. Come molti sanno il Club Giancarlo Salvi è un sodalizio che oltre alla passione calcistica persegue finalità sociali a favore delle persone meno fortunate. In questo contesto è quindi stato attivato un progetto di sostegno economico all’attività di Pet Therapy presso il Day Hospital del Reparto di Oncoematologia Pediatrica dell’Ospedale San Bortolo di Vicenza, che non riceve contributi pubblici ma e  opera grazie alla generosità della “Fondazione Sofia Luce Rebuffat Onlus”.

Alla serata erano presenti circa 170 tifosi ancora gasati dalla splendida vittoria di Trieste, una delegazione del Lanerossi Vicenza composta dal Direttore Paolo Bedin, la Responsabile della Comunicazione Sara Vivian, il Team Manager Andrea Basso e i giocatori Matteo Bruscagin e Davide Bianchi, gli ex biancorossi Giorgio Carrera, Beppe Lelj, Andrea Cisco, Gabriele Savino, il Presidente “a vita” Pieraldo Dalle Carbonare, l’ex direttore sportivo Sergio Vignoni.

Purtroppo non è potuto intervenire il presidente Onorario Paolo Rossi, che ha dovuto seguire la Nazionale Italiana impegnata venerdì in una partita contro la formazione della Bosnia. Pablito ha comunque voluto testimoniarci il suo affetto, con un videomessaggio lungamente applaudito dai presenti.

Il Presidente Anna Belloni, affiancato da Monica Salvi e Silvia Bon, dopo aver salutato i presenti, ha introdotto la Presidente dell’Associazione “Vicenza for Children” Coralba Scarrico e Chiara Menardi, coordinatrice del team Pet Therapy, che hanno illustrato l’attività del team e i benefici che i piccoli pazienti del reparto di Oncoematologia Pediatrica ottengono con gli interventi assistiti con gli animali (pet therapy)  nel caso specifico i cani, durante i cicli di cura. In particolare, la presenza degli amici a quattro zampe durante le terapie e le medicazioni, rasserena e tranquillizza i piccoli pazienti e i loro genitori, riduce il livello di ansia e rende meno traumatizzante l’esperienza di cura.

Quando, dopo la partita con la Reggiana, abbiamo avuto l’ardire di chiedere a Matteo Bruscagin di donare la maglia con cui aveva segnato uno dei più bei gol visti al Menti negli ultimi anni, non ci aspettavamo certo che ci rispondesse immediatamente di sì, senza nessuna esitazione. Possiamo solo immaginare il valore sentimentale di una maglia che gli ricordava un gol così spettacolare …. eppure Matteo ha valutato che fosse ancora più importante il beneficio che sarebbe andata a portare ai bambini malati e mi ha consegnato la maglia con un grande sorriso. E’ un’immagine che ci riconcilia con il calcio vero e pulito, infatti molte persone sono venute a ringraziarci proprio per questo, per aver vissuto una serata d’altri tempi ….. di quando si “andava allo stadio” a vedere il Vicenza in piena libertà, senza tornelli, perquisizioni e divieti.

Una ricchissima pesca di beneficienza ha dato la possibilità di raccogliere fondi per questa finalità. I generosi donatori hanno messo a disposizione premi davvero importanti ed è doveroso quindi un ringraziamento pubblico. Grazie all’Associazione Italiana Calciatori, ad Andrea Fabris dirigente dell’U.S. Sassuolo, a Giorgio Carretta forniture elettromedicali, alla Ditta Daniele Zamunaro, al negozio sportivo New Andrea’s, al maestro scultore Ilario Trevelin, al negozio sportivo Macron, a Cristiano Lotito, a Michela Lisi della Ditta Diamante Sud prodotti naturali, biologici ed erboristeria, Ditta R.A.E. di Andrea Berengo, Salone Dacci un taglio di Vincenzo D’Angelo, Salone “Estetica per te”, Sergio Vignoni, Negozio Sportivo La Campionessa, Antica Farmacia di Barbarano Vicentino del dr. Alessandro Bordin, Ditta Hormann.

Si è quindi proceduto all’asta della maglia numero 15 di Matteo Bruscagin che, dopo un testa a testa, è stata aggiudicata al nipote di Renzo Giuntini, compianto radiocronista delle partite del Vicenza. Grande dimostrazione di generosità del direttore Paolo Bedin, che donerà un’altra maglia autografata di Matteo al secondo offerente.

Si parla tanto di un calcio malato e più senza valori morali: la serata di ieri ha dimostrato che esiste ancora il invece calcio che fa bene e i calciatori che sanno essere campioni di sensibilità e di altruismo.

Al termine della serata é stata premiata la signora Maddalena Zoppello, la socia più anziana del Club Giancarlo Salvi, tuttora regolarmente abbonata in curva sud, con l’omaggio della replica della maglia numero 9 del Real Vicenza, autografata da Paolo Rossi.

L’incasso della pesca di beneficienza e dell’asta andrà quindi interamente devoluto per il finanziamento della Pet Therapy al Day Hospital del Servizio di Oncoematologia Pediatrica dell’Ospedale di Vicenza e siamo orgogliosi di anticipare che il Direttore Paolo Bedin ci ha promesso che sarà una rappresentanza della squadra biancorossa ad accompagnarci in reparto a consegnare l’assegno simbolico alla Presidente di “Vicenza for Children”.

Altro motivo di orgoglio è stata la partecipazione alla serata – nonostante il tempo davvero inclemente –  di due rappresentanti del tifo lontano: Walter Rocchetti di Milano e Tommy Fadiga di Treviso.

Il tributo finale di Giorgio Carrera al compagno di squadra e amico Giancarlo Salvi ha rappresentato la degna chiusura di questa bella serata in suo onore. Giancarlo era il punto di riferimento dei compagni, in campo e fuori. E anche ora da lassù, il suo ricordo luminoso è capace di generare energia, passione, e soprattutto attenzione per le persone meno fortunate e più deboli.

Seguono alcune immagini della serata: