Nel primo impegno ufficiale del 2020 i biancorossi di Mr Di Carlo affonteranno nella 2^ giornata del girone di ritorno la Fermana nell’insidiosa trasferta del Recchioni.
La formazione marchigiana, fin qui piuttosto immobile sul mercato ma che pare in procinto di chiudere diverse trattative impostate (soprattutto col Carpi, squadra con cui esiste un filo diretto sul mercato), ha cambiato allenatore rispetto alla sfida d’andata, esonerando il mister del ritorno in Serie C Flavio Destro ed affidandosi all’ex Ravenna e Reggiana Mauro Antonioli. Il cambio di allenatore, avvenuto in seguito alla sconfitta interna contro l’Imolese, inizialmente pareva non aver dato risultati, ma a seguito del cambio di modulo la formazione gialloblu pare aver trovato una nuova solidità e continuità di risultati: a seguito del passaggio al 3-5-2 infatti la Fermana ha conquistato 8 punti nelle ultime 4 partite, in perfetta media inglese.
Curiosamente i canarini sono una squadra che rende al meglio in trasferta, dove ha un rendimento da playoff (1,56 punti a partita). Male invece il rendimento casalingo, con l’unica vittoria arrivata nella prima giornata di campionato contro il Ravenna. Nonostante un andamento zoppicante tra le mura amiche comunque la formazione marchigiana ha concluso il girone d’andata a quota 21 punti, a +5 sulla zona playout e a -6 dalla zona playoff che rappresenta l’obiettivo di inizio stagione.
Le maggiori difficoltà della formazione gialloblu paiono essere legate a un rendimento difensivo piuttosto scarso: sono ben 28 i gol subiti in 19 partite (peggio han fatto solamente Ravenna, Rimini e Fano). Anche da un punto di vista offensivo la squadra marchigiana ha lasciato parecchio a desiderare fin qui, segnando solamente 16 gol: in questo caso però il problema pare essere comune a tutte le formazioni di fondo classifica, che tra l’altro hanno segnato tutte di meno rispetto ai canarini.
A prescindere da ciò che il mercato porterà in dote, Antonioli può già disporre di due acquisti ormai consolidati: si tratta degli svincolati Ginestra e Lancini, arrivati tra Novembre e Dicembre per mettere un freno all’emorragia di gol subiti e che hanno già fatto il loro esordio con la maglia gialloblu prima della sosta.
Per quanto riguarda la formazione con cui i gialloblu probabilmente scenderanno in campo domani, dovrebbe essere confermato il 3-5-2 che ha portato punti e certezze nel mese di Dicembre.
Tra i pali dovrebbe essere nuovamente il turno di Ginestra, che dovrebbe essere preferito ai giovani Gemello e Palombo, alternatisi nella prima parte di campionato.
In difesa, complice l’assenza di capitan Comotto per squalifica, dovrebbe toccare al trio Manetta-Scrosta-De Pascalis.
A centrocampo invece dovrebbe toccare a Iotti e Lancini sulle fasce, con Sperotto possibile alternativa sulla sinistra qualora Lancini dovesse essere arretrato sulla linea dei centrali, mentre in mediana dovrebbe essere riproposto nuovamente il trio Urbinati-D’Angelo-Manè.
Qualche dubbio di più sul fronte offensivo, considerate le tante opzioni a disposizione di mister Antonioli: l’unico certo dell’impiego dal primo minuto dovrebbe essere bomber Cognigni (capocannoniere dei suoi con 4 reti stagionali), al rientro dopo aver avuto qualche problemino fisico. Al suo fianco invece dovrebbe essere ballottaggio tra Petrucci e Rolfini, con l’ex biancorosso Maistrello e il fantasista Bacio Terracino possibile innesti a partita in corso. Non saranno della partita invece gli infortunati Liguori e Isacco.