L’intoppo della vigilia è rappresentato dall’infortunio che ha bloccato Barlocco durante la seduta di rifinitura svolta ieri mattina. L’ex terzino del Piacenza non è stato convocato a causa di una distorsione alla caviglia e di conseguenza a sinistra della linea difensiva giocherà Liviero. La squalifica di Bruscagin costringe quindi Mimmo Di Carlo a sostituire entrambi i terzini titolari con Davide Bianchi che agirà a destra. Il resto del gruppo è convocato con il tecnico biancorosso che dovrebbe adottare il modulo 4-4-2 con Cinelli e Pontisso in mediana e Giacomelli e Vandeputte sugli esterni. In attacco con Marotta dovrebbe esserci Arma che deve riscattare l’espulsione subita al “Recchioni” nello scorso campionato, gara terminata poi con la sconfitta per 2 a 0 dei biancorossi. Nella Fermana mister Antonioli recupera Scrosta e Sperotto in difesa, reparto che deve rinunciare però a capitan Comotto che deve scontare l’ultimo turno di squalifica. L’allenatore dei marchigiani deve decidere se schierarli dal primo minuto con Lancini che potrebbe giocare nella linea a tre in difesa se Scrosta andrà in panchina, oppure essere schierato a sinistra a centrocampo. In avanti Cognini, che dovrebbe essere preferito all’ex Maistrello, agirà da punta avanzata con D’Angelo, grande protagonista del match dell’anno scorso con una doppietta, e Petrucci in appoggio.

 

Fermana (3-4-2-1) Ginestra; De Pascalis, Manetta, Scrosta; Iotti, Urbinati, Mane, Lancini; Petrucci, D’Angelo; Cognini. A disp. Gemello, Palombo, Fiumicetti, Isacco, Sperotto, Persia, Mantini, Rolfini, Cremona, Bacio Terracino, Maistrello, Molinari. All. Antonioli.

L.R. Vicenza (4-4-2) Grandi; Bianchi, Padella, Cappeletti, Liviero; Vandeputte, Pontisso, Cinelli, Giacomelli; Arma, Marotta. A disp. Albertazzi, Bonetto, Pasini, Bizzotto, Zonta, Rigoni, Scoppa, Emanuello, Zarpellon, Tronco, Guerra, Saraniti. All. Di Carlo