E’ stata aperta a Palazzo Cordellina  la mostra  che ricorda Romeo Menti, il Grande Torino, Alfonso Santagiuliana e il Lanerossi Vicenza. Riportiamo a riguardo la presentazione dell”evento di Marco Cappello, uno degli organizzatori della mostra, oltre che un amico.

Ci siamo … una mostra sui miei eroi, nella mia città.
Una mostra che parla del sangue veneto e vicentino nel cuore di quella squadra, il Grande Torino, che solo il destino riuscì a battere in modo tanto crudele.

Due realtà, due città, due maglie con molti legami e con mille similitudini a partire dal calore proverbiale di due tifoserie a dir poco appassionate. Il mio dispiacere sta solo nel fatto che non si amino affatto tra curve e, se potessi, farei di tutto perché queste tornassero ad abbracciarsi nel segno della storia.

Il Grande Torino rivivrà qui a due passi da casa mia grazie soprattutto ad un amico speciale, un fratello di cuore e di passione come nessuno, che non smetterò mai di ringraziare. Sono torinese con orgoglio, per una città che adoro e una squadra leggendaria che la rappresenta, sono del Toro fino al midollo !!!

Ma sono felice di abitare a Vicenza che considero la mia città adottiva, da cui spero di non dovermi più separare, dove amo vivere e a cui sono legatissimo, come al glorioso “Lane” che sento comunque mio. E se non si possono amare due “donne” dirò che una è allora “sorella” e ad un uomo non gli puoi toccare né l’una, né l’altra.                                                       Marco Cappello