A due terzi del campionato i biancorossi guidati da Mimmo Di Carlo occupano la prima posizione in classifica con 58 punti, ad una media di 2,23 a partita. Se si confronta l’andamento della squadra berica rispetto allo scorso campionato si vede come, a parità di giornate giocate, abbia ottenuto 5 punti in più del Pordenone che ha poi conquistato la serie B diretta e abbia solo due punti in meno del (super) Monza che milita nel girone A. Un cammino, quello del L.R. Vicenza, eccellente, con due sole sconfitte (una rocambolesca a Piacenza al 92′), 17 vittorie e sette pareggi, numeri che confermano la forza e la compattezza di un gruppo che finora ha confermato di essere la grande favorita per la vittoria finale. Tutti convinti e contenti? Ovviamente no e, quando si parla di  calcio, è anche (quasi) normale. A far crescere e a dare fiato al partito degli insoddisfatti e a quelli che ritengono che la serie B resterà un miraggio, sono bastati tre pareggi in cui la squadra di Di Carlo ha senza dubbio mostrato più ombre che luci ma da qui a cancellare tutto quanto di buono (tanto) si è fatto finora ne passa. Premesso che ognuno ha diritto di esprimere le proprie idee ed opinioni, quello che ci preme sottolineare è che alimentare paure ed ansie nel momento chiave del campionato porta solo negatività in un ambiente che adesso ha solo bisogno di remare unito e compatto nella stessa direzione.

Per questo noi stiamo dalla parte di chi è pronto a sostenere la squadra di Di Carlo nella volata finale di questo campionato, argomento che sarà affrontato stasera (con inizio alle ore 21.30 ) negli studi di radio Vicenza dalla trasmissione FUORI CONTROLLO, la voce della Sud. Tra i temi di cui si parlerà, anche l’appello alla tifoseria biancorossa di invadere Cesena, la prima di tre gare che saranno importantissime nel cammino dei ragazzi di Di Carlo che il 2 marzo saranno di scena al “Mapei Stadium” contro la Reggiana in una partita che varrà mezza stagione. Importante sarà arrivarci bene, facendo il massimo dei punti a disposizione tra Cesena e la partita al “Menti” contro il Piacenza e per riuscirci c’è bisogno dell’aiuto e del sostegno di tutti. È il momento di confermare che la squadra di Di Carlo è la più forte del campionato e che a sostenerla c’è una tifoseria da serie A. Un binomio che deve aver rispetto di tutti, ma paura di nessuno. Con la consapevolezza che non sarà facile, ma che la serie B è un traguardo che la truppa di Di Carlo ha tutto per tagliare per prima.