Nahuel Valentini è un difensore centrale argentino di origini marchigiane nato a Fighiera il 19 Settembre 1988.
Da un punto di vista tattico Valentini è un centrale di difesa di piede destro che può essere impiegato anche come terzino.
Cresciuto calcisticamente nel Rosario Central dove ha esordito all’età di 19 anni nel campionato 2007/2008, con la maglia del club argentino giocò per sei stagioni collezionando 125 presenze e 2 gol, diventando punto fermo della retroguardia gialloblu specialmente nelle ultime tre stagioni trascorse nella seconda serie argentina.
Nell’estate del 2013, dopo aver contribuito da protagonista al ritorno in Primera Liga del Rosario nella stagione precedente, il centrale rimasto svincolato si è trasferito al Livorno, club all’epoca neopromosso in serie A.
Nella sfortunata stagione dei toscani, conclusa con l’immediata retrocessione in serie B, Valentini ha avuto l’opportunità di conoscere l’attuale tecnico biancorosso Di Carlo, collezionando inoltre 16 presenze nella massima serie e conoscendo quella che sarebbe poi diventata sua moglie.
Nell’estate del 2014 Valentini si è trasferito all’ambiziosa formazione ligure dello Spezia, impegnata nel campionato di serie B. Con la maglia delle Aquile il centrale argentino ha giocato per tre stagioni, collezionando 97 presenze e 5 reti tra campionato e coppa e diventando un vero e proprio punto fermo del club ligure, facendosi apprezzare non solo per l’elevato rendimento in campo ma anche per l’ascendente positivo che aveva all’interno dello spogliatoio. Particolarmente positiva a livello personale è stata la stagione 2016/2017, l’ultima trascorsa in maglia bianca, dove sotto la guida di mister Di Carlo Valentini si è imposto come titolare inamovibile della difesa aquilotta con 41 presenze stagionali e 2 gol.
Rimasto svincolato al termine della stagione, nell’estate del 2017 ha firmato un ricco contratto con la formazione di Segunda Liga spagnola del Real Oviedo.
Partita con ambizioni di promozione in massima serie, la formazione asturiana non è stato in grado di mantenere le aspettative: a livello personale lo stesso Valentini non ha trovato grandi soddisfazioni, finendo presto ai margini del progetto tecnico tanto da far pensare a un suo addio già nella sessione di mercato di Gennaio. Alla fine, dopo sole 7 presenze, nell’estate del 2018 Valentini ha fatto ritorno in Italia, firmando con la formazione marchigiana dell’Ascoli.
Con la maglia del Picchio lo stopper di Rosario ha trascorso due stagioni, collezionando in totale 39 presenze e un gol.
Rimasto svincolato, in estate è sceso per la prima volta in serie C accettando la corte del Padova. Anche con il club patavino le cose non sono andate secondo le aspettative: nonostante l’infortunio del titolare Kresic, infatti, il tecnico Mandorlini ha preferito puntare sulla coppia di difensori composta dall’ex Livorno Gasbarro e dall’esperto difensore sloveno Andelkovic, relegando così Valentini ad un ruolo da comprimario (solamente sette presenze  per lui con la maglia biancoscudata).