La costruzione del L.R. Vicenza che affronterà il prossimo campionato di serie B è iniziata con il rinnovo di Riccardo Meggiorini, e la conferma del capocannoniere della squadra biancorossa rappresenta la prima di tante operazioni che vedrà impegnata la società berica. Come anticipato un mese fa, la situazione contrattuale di tanti calciatori è in bilico considerato che sono in scadenza, oppure perchè sono arrivati in biancorosso con la formula del prestito.

E’ probabile, anche a seguito delle pubbliche dichiarazioni del patron Renzo Rosso nell’immediato post partita della gara persa contro il Lecce, che la rosa attuale subirà parecchi cambiamenti, e che le conferme non saranno molte. Una di queste dovrebbe essere quella di Stefano Giacomelli che lo scorso luglio ha firmato un contratto di un anno con opzione di rinnovo le cui condizioni sarebbero state quasi raggiunte con conseguente accordo per la stagione 2021/2022 che dovrebbe essere formalizzato a breve. Meno chiara è invece la situazione relativa a Davide Lanzafame il cui accordo con il L.R. Vicenza scade il prossimo 30 giugno senza alcuna opzione. L’attaccante torinese, autore di due reti e di buone prestazioni, si è ben inserito nel gruppo e ha confermato il suo valore tecnico convincendo anche la tifoseria sulla bontà del suo acquisto. Il ritorno in Italia di Lanzafame non è passato inosservato, attirando su di sè l’interesse di almeno due club cadetti (ChievoVerona e Venezia) e di una società estera ma l’ex punta dell’Honvéd rimarrebbe volentieri a Vicenza. Al momento però non risulterebbero contatti per un possibile rinnovo del contratto di Lanzafame, un silenzio che potrebbe anche significare che in via Schio non sono interessati a proseguire il rapporto.