Le dichiarazioni di mister Di Carlo al termine di L.R. Vicenza-Brescia:

“Eravamo partiti bene, con qualità e buone giocate. Il portiere loro ha fatto grandi parate. Nell’occasione del primo gol c’è stata un’incomprensione, si poteva fare meglio. Il Brescia con quell’uno-due ha chiuso la partita. Nel secondo tempo abbiamo provato a fare il 3-1, loro l’hanno gestita ma alla fine il Brescia ha meritato. Mi prendo le mie responsabilità, la colpa è tutta mia: dovevo cercare di mantenere la squadra sul pezzo. Abbiamo commesso due errori che ci sono costati due gol ed è un aspetto che è successo altre volte in questo campionato. Chiaramente per noi era dura recuperare la partita, ci abbiamo provato ma con poca convinzione.

La formazione iniziale? Non è questione di uomini ma di mentalità. Lanzafame? Due allenamenti sono pochi per poterlo inserire. Abbiamo preferito tenere fuori Dalmonte perchè era un po’ affaticato e non abbiamo voluto rischiare nulla. Padella sta meglio, farà comunque una tac. Andremo a Frosinone cercando di tenere alta la tensione, perchè non si possono prendere quei due gol in una partita equilibrata.

In campo è andata la squadra nelle condizioni migliori, ma dopo lo svantaggio non abbiamo saputo reagire. Questo è l’unico aspetto negativo di oggi. Avevamo preparato bene la partita, i ragazzi stavano bene. Ci sono squadre come il Brescia che pareva dovessero lottare per vincere il campionato, anche se questo non vuol dire che non potevamo vincere oggi.

Cosa salvare di questa partita? Niente, zero. La squadra deve mantenere equilibrio e fiducia, provando a raggiungere l’obiettivo nelle ultime due partite. Peccato perchè le vittorie fanno la differenza, ma se non abbiamo vinto significa che il nostro obiettivo è quello della salvezza e ci dobbiamo arrivare il prima possibile”.