La squadra di Mimmo Di Carlo ha raggiunto in mattinata l’Altopiano di Asiago, scelto nuovamente dal L.R. Vicenza come sede del ritiro estivo. I biancorossi soggiorneranno all’Hotel Gaarten di Gallio fino a sabato 8 agosto e utilizzeranno due impianti sportivi: lo stadio Zotti di Asiago, messo a disposizione dal Comune di Asiago, e lo stadio comunale di Gallio. La conferenza è stata aperta dal direttore generale del club berico Paolo Bedin che ha spiegato le difficoltà del momento:

Paolo Bedin: “Non è un ritiro normale, come quelli degli anni passati. Il ritiro si inserisce in un contesto che ha colpito il nostro Paese e tutto il mondo. Da un lato è una grande soddisfazione aver confermato il programma pre campionato, ringrazio di cuore tutte le persone che hanno reso possibile ciò, in un arco temporale breve. Per la prima volta Gallio e Asiago sono insieme per una collaborazione in supporto del Vicenza. Siamo ospiti dell’Altopiano. I ringraziamenti non sono di circostanza. Il fatto di essere qui oggi è un fatto straordinario, è il primo ritiro di una società professionista italiana. Abbiamo quindi una responsabilità, quella di creare un viatico rispettando il protocollo della FIGC. L’Hotel ci permette di vivere il ritiro coerentemente con le normative. Gli allenamenti saranno a porte chiuse e non ci saranno gare amichevoli, purtroppo. Il legame con l’Altopiano è indissolubile, siamo una delle poche società che possono fare il ritiro in mezzo alla propria gente. Sarà un ritiro in cui dovremo osservare delle prescrizioni, le manifestazioni di carattere pubblico saranno ridotte al minimo. Ci saranno eventi che coinvolgeranno anche gli altri comuni dell’Altopiano con una piccola rappresentanza di giocatori”.

La parola è poi andata a Franco Sella, Vicesindaco del Comune di Asiago: “Ringrazio tutta la società biancorossa. Noi ci siamo affezionati a questo club. Mi rendo conto delle difficoltà per organizzare il ritiro, la collaborazione tra i due comuni è un qualcosa di importante anche per i prossimi anni. Ringrazio chi ha lavorato affinché questo raduno potesse essere svolto”.

È stato poi il turno di Nicola Lobbia, Assessore al Turismo del Comune di Asiago: “Ringrazio anch’io la società berica, Bedin per i continui rapporti in un contesto di grande difficoltà. Come territorio abbiamo necessità di veicolare le nostre iniziative legate al turismo. Questa sinergia porta ad un vero e proprio accordo che promuove tutte le parti”.

Emanuele Munari, Sindaco del Comune di Gallio: “Mi unisco ai ringraziamenti. Quale migliore occasioni per ripartire? Unire l’Altopiano, che ha già ospitato per anni il Vicenza, e il nuovo corso del L.R. Vicenza. È un connubio che si rinforza ulteriormente, anche con tutti gli altri paesi dell’Altopiano. Abbiamo messo a disposizione anche l’anello olimpionico. Confidiamo di poter vedere il Lanerossi in alto”.

Denis Lunardi, Vicesindaco del Comune di Gallio: “C’è soddisfazione e felicità per avere qui una squadra importante in un periodo triste. Noi ci siamo, i paesani sono contenti”.

Le presentazioni sono state chiuse dal direttore sportivo del club berico Giuseppe Magalini: “Questo ritiro è un risultato di grandissimo livello. Non nego che la squadra non vedeva l’ora di andare in ritiro, l’Altopiano ci ha regalato tanta gioia”.