Perina 6 – L’Empoli gli crea qualche grattacapo ma lui è sempre pronto ad abbassare la saracinesca. È superlativo nel deviare sul palo il rigore di Mancuso e meriterebbe un voto alto se non fosse per la “papera’ sul colpo di testa di La Mantia che vale il 2 – 1 per l’Empoli. Per fortuna il rigore di Longo sistema le cose

Zonta 6.5 – Si adatta bene al ruolo di terzino di destro spingendo con profitto e difendendo con ordine. Meriterebbe di più, ma non è impeccabile nella chiusura su Bandinelli nell’azione che porta l’Empoli all’1 – 1, e provoca il rigore che Perina para

Pasini 7 – Deve aiutare anche un encomiabile Cappelletti che gioca dopo dopo quasi venti giorni di riposo forzato causa Covid. Limita gli avanti dell’Empoli e respinge tutto quello che passa dalle sue parti

Cappelletti 7 – Mezzo voto in più per aver voluto esserci a tutti i costi e per una partita giocata con la grande capacità di sapersi gestire visto che non poteva certo essere al meglio. Fatica nei primi minuti, ma poi ci mette il cuore su ogni pallone. E’ su La Mantia nel gol del 2 – 1 ma non riesce ad ostacolare l’attaccante dell’Empoli che gli “ruba” il tempo

Barlocco 6 – Non impeccabile in un paio di chiusure difensive in cui consente agli avanti empolesi di battere a rete pericolosamente. Ma anche lui merita un applauso perché non era al meglio ed è uscito dal campo dopo aver dato tutto quello che aveva (dal 70′ Beruatto 6 – Conferma le buone doti in fase di spinta ma anche le solite carenze difensive)

Guerra 7 – Di Carlo l’aveva provato in settimana nel ruolo di esterno alto e sembravano solo prove in caso ci fosse stato da coprire un’emergenza. Invece evidentemente è riuscito a convincere il tecnico biancorosso che gli ha dato fiducia schierandolo dall’inizio. Fiducia ripagata da un’ottima prestazione

Da Riva 7– Primo tempo macchiato da un paio di palloni persi malamente che innescano pericolosi contropiedi dell’Empoli costringendo, in uno di questi, Barlocco al fallo tattico che gli costa l’ammonizione. Cresce nella ripresa in cui, ben coperto da Cinelli, si fa apprezzare in fase di costruzione della manovra

Cinelli 7 – Partita tatticamente perfetta in cui è chiamato a fare da schermo alla difesa. Intercetta e sporca una marea di palloni, oltre a dare equilibrio in mezzo al campo. Lucido fino al 96′, spazza via di testa dall’area di rigore l’ultimo corner dell’Empoli mettendo il timbro sul 2 – 2

Dalmonte 7.5 ‐ Ancora una volta il migliore in campo. Funambolo imprendibile per gli avversari e padrone assoluto della sua fascia in cui è bravo anche in fase difensiva. Esce stremato (dall’80’ Vandeputte – Vive un momento di difficoltà e lo si nota anche a Empoli. Sbaglia qualche pallone semplice, segno anche di una scarsa serenità)

Marotta 6 – Lotta e combatte su tutti i palloni e dal punto di vista dell’impegno e della applicazione messa in campo merita solo apprezzamenti. Il neo è che non riesce mai a rendersi pericoloso dalle parti di Brignoli (dal 65′ Gori 6 – Ha qualche difficoltà a calarsi subito nel clima agonistico della gara soprattutto quando si tratta di “disturbare” l’inizio dell’azione avversaria. Ha sul piede la palla del possibile vantaggio poco prima del gol di La Mantia ma Brugnoli con una parata alla Garella gli nega il gol

Meggiorini 7 – In questo momento è un giocatore fondamentale in questa squadra per doti tecniche, esperienza e personalità. Realizza un gol che sembra facile ma è lui che sa sempre “leggere” le giocate e si fa trovare al posto giusto al momento giusto (dal 65′ Longo 6.5 – Mezzo voto in più per il rigore calciato al 93′ che vale un punto d’oro. Per il resto deve crescere in condizione ma anche nella “cattiveria agonistica” che ancora gli fa difetto. Le doti tecniche le possiede, deve  (ri)trovare la voglia, la determinazione per fare la differenza

Di Carlo 7.5 – Quando in una situazione di grande emergenza la squadra in campo gioca mettendo in campo i dettami tattici e il furore agonistico trasmesso dall’allenatore significa semplicemente che in questi giorni il suo lavoro è stato determinante.